visual marketing efficace in 3 regole

Visual marketing: perché devi imparare a farlo meglio (e come)

Cos’è e perché è così importante il visual marketing ?

Siamo nel 2017, sono sicuro che tu già sappia dell’importanza del “visivo” sul web (e anche fuori da esso), ma in questo articolo voglio dirti perché devi considerarlo ancora più importante e farti conoscere:

  • Le 3 regole per fare visual marketing in modo efficace
  • I migliori tools per riuscirci
  • I trend del futuro

Il Visual Marketing è quel ramo imprescindibile del marketing odierno che dà origine alla possibilità di una comunicazione visiva del prodotto o servizio che si vuole vendere, creando al tempo stesso un’ interazione emozionale con l’utente che il semplice messaggio di testo fornisce più difficilmente.

In parole povere, immagini / video / gif animate ecc. toccano corde (emozioni) che stimolano l’utente in modo diverso dal testo.

Poi sta a chi ha dato vita a questi stimoli il veicolarli verso il proprio obiettivo, che sia vendere o semplicemente farsi notare e ricordare.

Ora, come si creano messaggi visivi che emozionano?

E come li si può sfruttare?

 

Visual marketing efficace:

3 regole per creare messaggi visivi che funzionano

 

  1. Il messaggio deve essere chiaro, semplice e immediato.

Questo per far sì che venga notato, capito e ricordato più facilmente.

Ormai l’utente legge SOLO se è veramente, ma veramente, interessato, l’attenzione è sempre più difficile da attirare e mantenere! 

E vale anche per le immagini.

In più, veicolare i valori di un brand (anche di un brand personale) tramite una sola immagine – e farlo in modo semplice e immediato – può sembrare una sfida impossibile.

Ma non è così, devi solo fare pratica!

Molti brand (voglio usare come esempio “Radio 101”) utilizzano le citazioni per veicolare messaggi che contengono i valori del brand (e che contengono il brand stesso, il quale viene così ricordato) in modo semplice e immediato:

 

R101 visual marketing

Utilizzare una lavagna o degli sfondi creativi migliora ulteriormente il coinvolgimento creato dalle citazioni, in termini social: ottieni più like e condivisioni.

Ci sono numerosissimi tools online che ti permettono di creare messaggi visivi di questo tipo in un battito di ciglia, ma il più immediato e semplice è sicuramente:

ReciteThis ⇒ http://www.recitethis.com/

Che fornisce modelli già pronti dentro i quali inserire il vostro messaggio, MA ha lo svantaggio di presentare in fondo ad ogni vostra creazione un non poco invadente watermark.

E quindi può comportare un doppio passaggio (ritagliare la foto creata per togliere il watermark).

 

Quotescover ⇒ https://quotescover.com/

Non presenta questo inconveniente ma è meno immediato il processo di creazione: il background delle citazioni infatti, non è possibile sceglierlo già pronto ma va invece uploadata una foto a vostra scelta che farà così da sfondo.

Una noia o una libertà in più?

 

2. Il tuo visual marketing deve essere misurabile

Questa seconda regola per fare visual marketing in modo efficace può sembrarti ostica e noiosa ma deve invece essere il tuo mantra, sopratutto se vuoi crearti un tuo business!

Come può una cosa essere efficace se non stabiliamo anche i parametri per giudicarla? 

Nel delineare la tua strategia di visual marketing ricordati di definire le tue KPI (i tuoi obiettivi o indici di performance) e misurane il raggiungimento, attività fondamentale in ogni tipo di attività o personal brand.

Stai lanciando un nuovo prodotto e vuoi (giustamente) utilizzare anche il visual marketing tramite un canale social?

Vuoi differenziarti dai tuoi competitors ed essere più smart e giovanile?

Bene, in un caso stabilirai la percentuale degli interessati al prodotto che dovrà arrivare dal tuo video/ dalla tua fotostory social e traccerai il raggiungimento della soglia, nell’altro misurerai la crescita dei tuoi likes e followers grazie al visual in relazione ai competitors.

Ricorda che creare un video e “farlo girare” richiede comunque il tuo tempo, e il tuo tempo è prezioso in ogni suo minuto o secondo!

Quindi non sprecarlo e misura i risultati dei tuoi sforzi, vedrai che sarà anche fonte di maggiore soddisfazione.

 

3. Deve essere social.

Meno banale di quanto sembra.

Basta la presenza di una bella immagine a rendere un messaggio social?

Uno studio recente, di cui ha discusso anche il mio guru del web Neil Patel su quicksprout, ha affermato che nel giro di 5 anni l’ 80% della comunicazione sul web avverrà tramite video.

E allora perché diamine ho parlato fino ad ora di immagini semplici, citazioni con background e infografiche?

Hai visto come Neil Patel ha spiegato l’importanza dei video?

Con un’infografica!

(Stupenda tra l’altro, più in basso ti parlo degli strumenti con cui puoi creare belle infografiche.)

Sì, i video ricopriranno un ruolo sempre più fondamentale e bisogna prepararsi, ma visual marketing e visual storytelling vanno compresi e attuati nella loro interezza, e cioè in tutte le loro forme!

Utilizzando le Gif ad esempio.

Anche le gif è comprovato che generano più interazioni social delle immagini normali (il 43% in più di media per essere esatti).

Come mai?

Il progresso del visual marketing sul web è paragonabile a quello della comicità:

quello che ci faceva ridere un tempo ora strappa forse un sorriso, così quello che ci faceva fermare dallo “scrollare” la pagina verso il basso mentre siamo sul letto o in bagno ora non lo notiamo nemmeno.

Bisogna quindi stare sempre al passo con i tempi, o pensare a modi nuovi per mantenere su di noi il focus e attirare l’attenzione in un mare pieno di pesci social e visual.

Ora:

Cosa serve per creare e sfruttare i messaggi visivi?

Essere a conoscenza dell’importanza del visual marketing è già un primo passo, non pensereste nemmeno di sfruttarlo altrimenti!

È richiesta poi una buona dose di creatività: non pensare di aver “vinto” quando trovi una buona formula visiva per i tuoi obiettivi, destreggiati tra immagini, video, gif e infografiche.

Cerca di sorprendere il tuo utente e di non farlo abituare a te!

Come puoi farlo?

Con:

I 10 migliori tools per fare visual marketing

Iniziamo dai tools utili per creare o editare immagini:

  1. Canva

Senz’altro uno dei più famosi, Canva è uno strumento utilissimo per chiunque abbia, o voglia, avere a che fare con le immagini.

Semplice, immediato e gratuito.

Canva ti permette di creare in assoluta libertà qualunque tipo di grafica, fornendoti già i modelli con le dimensioni pronte per flyers, brochure, immagini di copertina dei vari social, presentazioni Power Point, header del tuo sito …

Devi solo scegliere le tue dimensioni, spulciare tra i numerosi sfondi se ce n’è uno che fa al caso tuo e inserirci il tuo messaggio con un semplice “drag and drop” (trascina e rilascia), o caricare un tuo sfondo se preferisci.

 

2. Stencil

Il rivale di Canva!

Tant’è vero che hanno dedicato una pagina intera del loro sito a rispondere alla domanda:

“In cosa siete migliori di Canva?”

 

stencil

Schermata esempio dell’interfaccia di Stencil

Ma prima di dare la mia risposta ti dico la differenza con Canva che salta subito agli occhi, il prezzo.

Certo anche Stencil ha un piano gratuito, ma è un piano che offre la possibilità di creare fino a 10 immagini al mese. Un piano quindi che va bene per chi non ha la necessità di crearne molte.

Altrimenti, Stencil costa 9 Dollari al mese per 50 creazioni, 12 per la versione “unlimited”.

Questo costo è giustificato?

Sì e no.

La verità è che dipende.

Stencil è sicuramente più veloce di Canva in quanto a processo di creazione, ed è più improntato sullo sharing istantaneo sui social delle foto create.

Ma la caratteristica che per me ha più valore, e che lo differenzia realmente da Canva (i numeri non lo differenziano, i due tool offrono più o meno la stessa quantità di sfondi, modelli e icone) è la Chrome Extension.

Lei si che è utile!

Stai navigando sul web e vedi un’immagine che fa al caso tuo? Bene, tasto destro, opzione Stencil e la editi in tempo reale!

Senza ulteriori passaggi, scarica foto, vai su tool online, carica foto ecc ..!

Tutto ciò che mi fa risparmiare tempo in modo efficace per me ha valore. Per te?

 

3. PicMonkey

Specifico per editare le foto e le tue creazioni.

Un complemento per i primi due tools, PicMonkey ti permette di aggiungere filtri / effetti e ridimensionare l’immagine, lasciandoti scegliere la risoluzione finale.

Molto utile per editing veloce e senza fronzoli di immagini.

 

4. Piktochart

Per creare splendide infografiche!

Se siete andati a curiosare su Canva e Stencil avete notato come anche loro offrano dei modelli per creare infografiche, Piktochart però è stato creato apposta!

La qualità e la facilità del suo editor non hanno rivali in fatto di infografiche, si tratta infatti di un semplice e divertente “drag & drop” con più di 400 modelli già pronti. 

Non hai più scuse per non creare le infografiche che servono al tuo business!

 

5. Giphy

Il paradiso delle GIF.

Attenzione: andare su questo sito rischia di compromettere la velocità del tuo visual marketing!

Vacci con un obiettivo, con un video o con immagini già in mente da trasformare in gif, o passerai ore tra le centinaia di gif famose già create.

Completato il molto intuitivo processo di creazione, potrai condividere subito la tua gif sui social o embeddarla (inserirla tramite il codice fornito) sul tuo sito.

 

6. Prezi

Il tool per le presentazioni 2.0.

Basta con le noiose presentazioni a slide che fanno molto “diapositive del viaggio della zia”!

Ci vuole veramente poco per imparare a utilizzare Prezi, e l’investimento in tempo e denaro sarà ripagato da presentazioni degne di una azienda o di un personal brand nel 2016.

Cos’è Prezi?

È il figlio figo di Power Point. Un software che garantisce una narrazione visiva fluida e coinvolgente, che attira chi guarda invece che annoiarlo.

Tutto ciò grazie a effetti di transizione, modelli studiati appositamente, grafiche e luci.

Sono sicuro che trovato il piano di prezzo che fa per te, non tornerai più indietro.

 

7. Explee

Io amo i video disegnati, tu no?

Dai, quei video in cui è una mano armata di pennarello a dare vita al tutto!

Questo tipo di video si presta a svariati modi di utilizzo: dalla spiegazione di un prodotto alla descrizione di un servizio, passando per semplici video esplicativi o di intrattenimento.

Con Explee puoi portare alla vita le tue immagini e vederle muoversi nel contesto della whiteboard (la lavagna bianca di sfondo), proprio come se stessi creando un cartone animato.

In pratica, ogni immagine che caricherete su Explee verrà disegnata sullo schermo dalla mano, un tipo di video molto apprezzato perché in grado di mantenere a lungo l’attenzione dello “spettatore”.

Ti rendi conto anche tu del potenziale di engagement che offre questo strumento!

Per 25 dollari / mese (la versione da 7 $ con il logo Explee infatti non la considero adatta a veicolare un messaggio di marketing) si tratta di un investimento che sicuramente può differenziarti dai competitor e spingerti sulla strada dei video in modo creativo quanto semplice!

 

8. MavSocial

Un ottimo strumento per fare visual marketing sui social media.

La sua versione Free consente di collegare 2 account social (il tuo Facebook e il tuo Twitter), mentre in quelle a pagamento si possono aggiungere altri account o altri social networks.

 

9. Image Sharer di SumoMe  e  10. Monarch plugin

Questi ultimi due tools sono plugins per WordPress molto adatti a chi ha un blog e vuole rendere i propri sforzi creativi immediatamente condivisibili dai lettori, aumentando così le possibilità di sharing e di conseguenza la propria visibilità online.

Entrambi infatti, permettono di inserire direttamente sulle immagini del tuo blog i pulsanti di condivisione, esempio:

 

Monarch plugin

In conclusione:

Alzate la mano per farvi notare nel mondo del web, ma fatelo brandendo qualcosa di visivo perché di mani alzate ce ne sono già tante!